Condominio contro la coppia gay, un inquilino condannato ad un anno

L'uomo, un 63enne, è stato accusato di stalking per aver perseguitato con insulti e minacce le due vittime

Un condominio di Torino ha perseguitato una coppia di inquilini gay, colpevoli soltanto di "tenersi per mano" e di "baciarsi in pubblico". Dopo la denuncia dei due uomini uno degli inquilini è stato condannato ad un anno di reclusione, con la condizionale.

L’uomo, un 63enne, è accusato di stalking per aver perseguitato con insulti e minacce le due vittime di questa storia. In un primo tempo l'accusa aveva chiesto otto mesi di carcere per l'imputato. Ma la decisione del giudice monocratico di Torino, Alessandra Cecchelli, ha alzato la pena.

La sentenza "risponde alle giuste aspettative delle parti offese", ha commentato l'avvocato Anna Ronfani, legale del torinese che ha denunciato le angherie del condominio in cui abitava con l'ex compagno. Pronta la difesa del 63enne. "Sono un capro espiatorio. Non ho fatto nulla se non difendere la mia famiglia da persone che hanno preso a calci la mia porta di casa", si è difeso così il condannato.

Luca Cavallo, avvocato dell'uomo condannato, preannuncia l'appello: "Il peso di questo processo è aumentato negli ultimi quindici giorni. Abbiamo più di un motivo per presentare appello”. E la coppia, nel frattempo, si è anche lasciata, dopo aver affrontato un duro anno dal punto di vista psicologico.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Piemonte verso la 'zona arancione'. Spostamenti, negozi, scuole: cosa cambia

  • Piemonte in zona arancione da domenica 29 novembre: cosa cambia

  • Piemonte, con indice RT sotto 1, verso la zona arancione. Cirio: “Non è un risultato, ma un passo”

  • Albero di Natale, 10 idee (super trendy) per ricreare l'atmosfera natalizia

  • A Grugliasco si inaugura il nuovo supermercato Lidl: riqualificata l'intera area

  • Nichelino, chiusa la tangenziale a causa di un incidente: morto un uomo

Torna su
TorinoToday è in caricamento