Cronaca

No Tav, Luca Abbà: stazionario ma situazione in lieve miglioramento

Da due giorni il No Tav Luca Abbà è in coma farmacologico. Le sue condizioni sono stazionari e anzi si registra qualche lieve miglioramento. Domani verrà fatta una risonanza per valutare le lesioni interne

E' stato diramato un nuovo bollettino medico sulla situazione di Luca Abbà, l'attivista No Tav caduto dal traliccio lunedì scorso e ricoverato d'urgenza al Cto di Torino. Le sue condizioni sono sempre stazionarie, anche se si registra qualche lieve segno di miglioramento. L'ipotesi valutata dai medici del Cto è quella di mantenerlo in coma farmacologico per l'intera settimana.

Mentre la prognosi resta ancora riservata, si sa che domani verrà fatta una risonanza per valutare le lesioni interne conseguenti alla folgorazione. I risultati di questo esame, hanno detto i medici, non saranno disponibili prima di venerdì mattina.


"Il paziente - ha spiegato il dottor Berardino - è rimasto stabile durante la notte, sedato e ventilato. Il supporto della funzione cardiocircolatoria è in sfumata riduzione. La funzione renale é mantenuta con supporto diuretico". Berardino ha riferito che è stata eseguita una breve sospensione della sedazione per una prima valutazione neurologica. L'esito, ha detto, "permette di considerare possibile una ripresa della coscienza quando la sedazione potrà essere sospesa. Questo - ha concluso - è ipotizzabile alla fine della settimana".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

No Tav, Luca Abbà: stazionario ma situazione in lieve miglioramento

TorinoToday è in caricamento