Venerdì, 30 Luglio 2021
Cronaca

Minotauro: 46 condannati, 210 anni di carcere complessivi

L'inchiesta Minotauro vede 46 condanne con il rito abbreviato, per un totale di 210 anni di carcere complessivi. Il processo riguarda la presenza della 'Ndrangheta nel Torinese

I numeri parlano da soli: quarantasei condanne, per un totale di oltre 210 anni di carcere; il tutto senza nemmeno applicare una delle aggravanti contestate dalla procura generale. Così si è chiuso il processo Minotauro, a Torino, relativo alla presenza della 'Ndrangheta nell'area piemontese. Il processo si è svolto in un'aula resa inaccessibile al pubblico: in un primo grado, le persone che hanno presenziato dietro le gabbie e che nelle carte dell'inchiesta figuravano come i capi crimine, erano state condannate a ben 400 anni complessivi di carcere.

Le quarantasei condanne si uniscono a tredici assoluzioni, e riduzioni delle pene inflitte in primo grado: per un paio di imputati è stata disposta la trasmissione delle carte alla procura di Reggio Calabria. Gli imputati di questa parte del processo avevano scelto di farsi giudicare con il rito abbreviato: tra loro, la pena più alta inflitta è stata di 13 anni di reclusione, mentre le altre oscillano tra i 6 e i 7 anni.

L'inchiesta Minotauro, che nel 2011 si era conclusa con circa 140 arresti, riguarda la presenza, nell'area del torinese, di dieci articolazioni della 'Ndrangheta, in contatto con le famiglie calabresi, chiamate "locali". Il processo che si è celebrato con il rito ordinario si è concluso in primo grado, alcuni giorni fa, con 38 assoluzioni e 36 condanne.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Minotauro: 46 condannati, 210 anni di carcere complessivi

TorinoToday è in caricamento