Propaganda per l'Isis e la jihad: attivista di Lanzo Torinese condannato a sei anni e nove mesi

Ha seguito il processo da detenuto

L'arresto di Elmadhi Halili nel marzo 2018

Elmahdi Halili, 25enne marocchino di Lanzo Torinese arrestato nel marzo 2018 con l'accusa di avere svolto, attraverso internet, attività di propaganda per lo Stato Islamico e la jihad, è stato condannato a sei anni e nove mesi di reclusione dalla Corte d'assise d'appello di Torino, nel processo di secondo grado in cui sono state respinte tutte le istanze dei suoi difensori.

I giudici hanno applicato la 'continuazione' con un suo precedente patteggiamento. Nel corso del processo, che ha seguito da detenuto, ha più volte preso la parola per chiarire la sua posizione. Halili era finito nei guai già nel 2015 sempre per vicende legate alla propaganda dell'Isis in provincia di Torino.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Firmato il decreto: Piemonte zona arancione, che cosa si può e non si può fare da domenica 17 gennaio 2021

  • Piemonte in zona gialla: le regole in attesa della nuova stretta nazionale

  • Torino, ruba il portafoglio dimenticato in farmacia. E spende i soldi per fare la spesa: "Non vivo nell'oro"

  • Multato in auto dopo mezzanotte. "Ma sono un papà separato, andavo da mia figlia che stava male"

  • Infarto mentre fa jogging nel parco a Torino, morto avvocato di Settimo. Ambulanza bloccata dai dissuasori

  • Follia a Nole: scatta alcune fotografie col cellulare, ma poco dopo la obbligano a cancellarle

Torna su
TorinoToday è in caricamento