Medico di guardia rifiutò visita domiciliare a paziente: condannata

Così non diagnosticò un aneurisma

immagine di repertorio

Quattro mesi di reclusione, con pena naturalmente sospesa, per il medico di guardia, un'italiana oggi di 35 anni, che il 2 marzo 2016 si rifiutò di fare una visita domiciliare a Ivrea a una donna che poi si rivelò colpita da un aneurisma. L'accusa è di rifiuto di atti d'ufficio.

La sentenza è stata pronunciata ieri, martedì 17 luglio 2018, dal tribunale di Ivrea, che ha accolto solo parzialmente la richiesta di condanna a sette mesi del pm Lea Lamonaca.

La dottoressa, assistita dall'avvocato Alberto Bazzani, dovrà anche risarcire la paziente che l'ha querelata, assistita dall'avvocato Luca Fiore. I giudici hanno stabilito una provvisionale immediatamente eseguibile di 5mila euro più le spese legali.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Firmato il decreto: Piemonte zona arancione, che cosa si può e non si può fare da domenica 17 gennaio 2021

  • Piemonte in zona gialla: le regole in attesa della nuova stretta nazionale

  • Torino, ruba il portafoglio dimenticato in farmacia. E spende i soldi per fare la spesa: "Non vivo nell'oro"

  • Multato in auto dopo mezzanotte. "Ma sono un papà separato, andavo da mia figlia che stava male"

  • Infarto mentre fa jogging nel parco a Torino, morto avvocato di Settimo. Ambulanza bloccata dai dissuasori

  • Follia a Nole: scatta alcune fotografie col cellulare, ma poco dopo la obbligano a cancellarle

Torna su
TorinoToday è in caricamento