Sabato, 16 Ottobre 2021
Cronaca Piazza Guido Gozzano

Sacchetto in testa ed aggredita per rapina, condannato a 5 anni

L'uomo aveva sfondato i vetri del finestrino e dopo aver incappucciato e malmenato la conducente, era riuscito ad impossessarsi della sua borsetta. Il ladro era stato bloccato poco dopo da due passanti

Con l'intento di impossessarsi della borsetta disposta sul sedile del passeggero, aveva sfondato il finestrino e dopo aver incappucciato la conducente con un sacchetto, l'aveva poi malmenata. Lui, un uomo di origini marocchine, è stato condannato oggi dal Tribunale di Torino a 5 anni di carcere per rapina e lesioni aggravate.

L'episodio risale all'aprile 2013. La ragazza, 25 anni, sostava all'interno della propria auto in piazza Gozzano, con le sicure inserite ed aspettando il proprio fidanzato. Ad un certo punto, il reo, aveva sfondato i vetri del finestrino con un pugno ed infilato un sacchetto di plastica in testa alla donna. Bloccandola per impossessarsi della borsa, l'aveva altresì malmenata.

Ad assistere alla scena, un architetto di passaggio che si era messo all'inseguimento del malvivente e grazie all'aiuto di un altro passante era poi riuscito a bloccarlo fino all'arrivo dei carabinieri.

Il Tribunale ha oggi deciso la pena di 5 anni di reclusione dello straniero per rapina e lesioni aggravate. A sostenere l'accusa è stato il pm Marina Nuccio.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sacchetto in testa ed aggredita per rapina, condannato a 5 anni

TorinoToday è in caricamento