Mamma rapisce il figlio e lo porta in Ucraina: condannata a cinque anni

Ma il bambino è sempre lì

Luigi 'Mimmo' Zardo gioca col figlio Erik prima che l'ex moglie glielo portasse via

La Corte d'appello di Torino ha condannato a cinque anni e due mesi di reclusione (in contumacia, visto che è irreperibile) e al pagamento di 150mila euro Tetyana Gordiyenko, moglie di Luigi 'Mimmo' Zardo, il papà di Alice Superiore che da oltre sette anni aspetta di riabbracciare il figlio Erik che lei ha portato con sé in Ucraina. L'accusa è di sottrazione internazionale di minore.

La sentenza, arrivata a inizio maggio 2019, mette fine alla vicenda (che aveva visto lui accusato e poi assolto nel 2018 dall'accusa di maltrattamenti rivoltagli dalla donna) solo dal punto di vista giudiziario, poiché l'uomo, dal 12 maggio 2012, è riuscito a incontrare il figlio (che oggi ha quasi nove anni) soltanto pochissime volte.

Zardo, 40 anni, è stato assistito nel procedimento dall'avvocato Maria Rosa D'Ursi. Una sentenza del tribunale di Ivrea del 2013 gli ha concesso l'affidamento esclusivo del bambino. Naturalmente, è sempre stata disattesa.

Potrebbe interessarti

  • Pesche alla piemontese: un dolce estivo, leggero, veloce e facile da preparare

  • Il Farò di San Giovanni, speriamo che la pira caschi dalla parte giusta!

  • Il gelato secondo i torinesi: dibattito aperto alla ricerca della gelateria preferita

  • Le migliori vinerie: dove comprare il vino sfuso a Torino

I più letti della settimana

  • Il destino è stato più veloce di Luigi, che era appena diventato papà di una bambina

  • Morto in casa da giorni, i suoi cani sbranano il corpo

  • Tragedia nel cortile: bimba piccola investita dall'auto della mamma, morta

  • Alimenti putrefatti, blatte, scarafaggi ed escrementi: chiuso il panificio-pasticceria

  • Cade con la moto e sbatte la testa contro il marciapiedi, ragazzo morto

  • Meteo: addio ai temporali, arriva il super caldo

Torna su
TorinoToday è in caricamento