rotate-mobile
Cronaca Favria

Violenza sessuale sul figlio di cinque anni nella comunità protetta di Favria: madre condannata a 24 anni di carcere

La pena è stata superiore a quella richiesta dall'accusa. Un uomo già in galera per gli stessi fatti

Una donna oggi 42enne è stata condannata a 24 anni di carcere dal tribunale di Ivrea per violenza sessuale e pedopornografia nei confronti del figlio di cinque anni. La sentenza, pronunciata ieri, giovedì 24 febbraio 2022, dal collegio presieduto dal giudice Elena Stoppini, si riferisce a fatti avvenuti nel settembre 2020 in una comunità protetta di Favria. I giudici hanno anche stabilito un risarcimento di 200mila euro al bambino e la sospensione della potestà genitoriale per l'imputata, difesa dall'avvocato Antonio Foti. L'accusa, sostenuta dai pm Antonella Barbera e Livia Locci, aveva chiesto una condanna a 21 anni e mezzo.

Secondo la ricostruzione dell'accusa, la donna, che si trovava in comunità perché maltrattata dal precedente compagno, era stata convinta a violentare il figlio, riprendendo la scena col telefono cellulare, dall'uomo di 55 anni con cui lei aveva una relazione. Per gli stessi fatti l'uomo è già stato condannato a 12 anni in un processo tenutosi a Torino, con sentenza del giudice Rosanna Croce. A sporgere denuncia era stata la figlia maggiore della donna, a cui lei aveva inviato uno dei video. Un'altra figlia della donna, invece, avrebbe avuto rapporti sessuali col fidanzato della madre in casa di lui.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Violenza sessuale sul figlio di cinque anni nella comunità protetta di Favria: madre condannata a 24 anni di carcere

TorinoToday è in caricamento