Dottoressa condannata per diffamazione, frasi contro l'associazionismo Lgbt

1.500 euro di multa a Silvana De Mari

Immagine di repertorio

Il tribunale di Torino ha condannato la dottoressa Silvana De Mari, imputata per diffamazione ai danni degli omosessuali e del movimento Lgbt, per avere sostenuto che l'omosessualità è contro natura.

La donna aveva fatto pesanti dichiarazioni contro il mondo gay e per questo era stata querelata da alcune associazioni Lgbt. Dovrà pagare una multa di 1.500 e la sentenza riconosce alle parti offese anche una provvisionale di 2.500 euro al Coordinamento Torino Pride e di 2.500 euro a Rete Lenford, entrambe parte civile nel processo. Il giudice ha, invece, assolto l'imputata per alcune affermazioni omofobe perché “il fatto non sussiste”.

Il coordinamento Torino Pride parla di una sentenza storica: ”Oggi, 14 dicembre 2018, a Torino, con la sentenza della giudice Cafiero che condanna Silvana De Mari per diffamazione verso il Coordinamento Torino Pride e tutto le persone LGBT+, è stato scritto un capitolo storico per la vita della comunità arcobaleno”.

"È chiaro, a questo punto, che nessuno, da oggi in poi, potrà permettersi di insultare impunemente le associazioni e la comunità LGBT+ intera. Il consiglio direttivo del Torino Pride, che si riunirà mercoledì, deciderà a quale causa devolvere la cifra del risarcimento" hanno dichiarato Giziana Vetrano e Alessandro Battaglia del Torino Pride. Soddisfatto anche l’avvocato del Torino Pride Niccolò Ferraris: “È stata pronunciata sentenza di responsabilità in relazione ad alcune affermazioni diffamatorie proferite dall’imputata, per quanto concerne le altre attendiamo la lettura delle motivazioni della sentenza”.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cadavere scaricato da un'auto su una panchina: si tratta di un latitante condannato per rapina

  • Sparisce nel nulla dopo avere ricevuto la lettera di licenziamento: viene ritrovato morto impiccato

  • Colto da malore, si accascia a terra mentre sta camminando: morto

  • Cadavere putrefatto e decapitato trovato in un campo, si era suicidato impiccandosi a un albero

  • Investita mentre attraversa la strada davanti a casa: è grave

  • Automobilisti attenti: a mezzanotte entrano in servizio i semafori anti-passaggio col rosso

Torna su
TorinoToday è in caricamento