Cronaca

Conclave, parla Nosiglia: "No a strumentalizzazioni e invenzioni dei media"

L'arcivescovo di Torino, Mons. Cesare Nosiglia, in apertura dei lavori della Conferenza Episcopale Piemontese, parla della grande risonanze mediatica del prossimo Conclave

"Abbiamo il diritto di ricordare che i cammini, le procedure, la storia della Chiesa non sono stati né scritti né inventati oggi dai mass media": è un passaggio dell'intervento dell'arcivescovo di Torino, Mons. Cesare Nosiglia in apertura dei lavori della Conferenza Episcopale Piemontese, a proposito della grande risonanze mediatica del prossimo Conclave. Secondo mons. Nosiglia non c'é da stupirsi "se, in tempi di globalizzazione, anche le vicende del Conclave diventano oggetto di dibattito nell'infinita serie di parole e immagini che popolano la Rete e i mass media di tutto il mondo. Ma abbiamo sì il preciso diritto e il dovere di indignarci e di protestare, facendo sentire in ogni modo la nostra voce - ha rimarcato l'arcivescovo - quando la verità dei fatti viene stravolta ad arte e le persone strumentalizzate o processate da chi non ha alcun titolo per esercitare giustizia".

"Ciò va ricordato con chiarezza ai nostri fedeli - ha aggiunto Nosiglia - invitandoli a interrogarsi seriamente sul senso della nostra fede e sulla appartenenza alla Chiesa di Cristo. Ci sono verità della storia che non c'é motivo di nascondere; c'é un'etica che deve essere rispettata e, dove il caso, ristabilita. Ma c'é anche un mistero profondo, che risiede nel cuore stesso della fede, che va avvicinato con rispetto, e custodito gelosamente. Se non coltiviamo questo patrimonio, inevitabilmente sarà il mondo a dirci quali sono le regole e i comportamenti da seguire: ed allora essa sarebbe ben morta in se stessa!".

Mons. Nosiglia ha quindi richiamato a confidare nella Provvidenza di Dio "che siamo certi non mancherà di donarci da subito segnali di serenità e di gioia profonda nel cuore. Ci stringeremo come sempre attorno al successore di Pietro, qualsiasi il Signore avrà suggerito ai cardinali e ritroveremo in Lui la roccia e il riferimento di comunione piena del nostro ministero e della unità delle nostre Chiese sotto la sua guida".

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Conclave, parla Nosiglia: "No a strumentalizzazioni e invenzioni dei media"

TorinoToday è in caricamento