Venerdì, 22 Ottobre 2021
Cronaca

Commemorata la strage di Torino, oltre 50 morti per difendere la prima capitale

Alla commemorazione hanno preso parte diversi esponenti politici, tra cui anche l'ex sindaco Diego Novelli. La manifestazione si è conclusa con la deposizione di una corona d'alloro, presso la lapide

Un folto pubblico ha gremito stamane piazza San Carlo, per la commemorazione, nel suo 150° anniversario, della strage di Torino del 21 e 22 settembre 1864.

Nell’eccidio, ad opera del Regio esercito, morirono 52 cittadini torinesi durante le manifestazioni contro il trasferimento della capitale del Regno d’Italia da Torino a Firenze. Ad aprire il fuoco verso la folla inerme, poliziotti, carabinieri e soldati.

“Oggi commemoriamo quei torinesi, figli del Risorgimento che furono vittime di una vera e propria repressione di Stato”, ha detto il consigliere Fabrizio Ricca, intervenuto in rappresentanza della Città.

"La Città - ha aggiunto - non vuole dimenticare chi, manifestando la propria opinione, ha pagato con la vita, perché le istituzioni siano sempre le prime garanti a difesa dei diritti e delle libertà dei cittadini, in un Paese democratico e civile".

Alla cerimonia hanno preso parte anche il consigliere comunale Roberto Carbonero e regionale Alessandro Benvenuto. Tra i presenti anche l’ex sindaco di Torino, Diego Novelli.

La manifestazione si è conclusa con la deposizione di una corona d’alloro, presso la lapide.

comm2-2


 

Gallery

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Commemorata la strage di Torino, oltre 50 morti per difendere la prima capitale

TorinoToday è in caricamento