Domenica, 17 Ottobre 2021
Cronaca Rebaudengo / Corso Vercelli, 274

Barriera, le sentinelle della notte contro il degrado: "L'amministrazione comunale ci ha abbandonato"

I rappresentanti del comitato spontaneo Barriera di Milano perlustrano le vie del quartiere da oltre quattro anni. Le ronde si svolgono quasi tutte le notti

Sono come sentinelle della notte, vagano nelle vie del quartiere Barriera di Milano per allontanare gli spacciatori, le prostitute e la microcriminalità, perchè laddove mancano le istituzioni "i cittadini sono costretti ad autodifendersi".

Sono i rappresentanti del comitato spontaneo "Barriera di Milano Torino Nord" che, dal 2010, perlustrano le strade cercando di allontanare lo spaccio e la criminalità dai luoghi bui in cui spesso, passeggiano i loro figli e nipoti. Si sentono abbandonati dall'amministrazione, i cittadini del quartiere, quell'amministrazione che attraverso il progetto "Urban Barriera" - partito nel 2011 - aveva promesso, oltre a molti altri interventi, anche una riqualificazione del degrado cittadino.

Se molte migliorie sono state fatte, come la messa a norma dei bagni pubblici di via Aglié, molte altre manutenzioni mancano all'appello. Elemento da non sottovalutare, l'illuminazione, carente in quasi tutta l'area, fatta eccezione per le strade centrali come corso Vercelli: "Una buona illuminazione già risolverebbe molti problemi - ci racconta Angelo Martino, un rappresentate del comitato - peccato che nelle vie limitrofe sia praticamente inesistente". Ma c'è di più, perchè il continuo via vai di spacciatori è spesso alimentato da punti di ristoro che chiudono a notte inoltrata e facilitano, quindi, il verificarsi di episodi più o meno delittuosi.

"Speravamo che il progetto Urban riqualificasse il quartiere - continua - invece siamo costretti ad agire da soli". Un deterrente, se non altro, perchè intimoriti dal loro passaggio, spesso, gli spacciatori si allontanano di loro spontanea volontà.

"Barriera di Milano, come gran parte delle periferie torinesi è stata abbandonata dall'amministrazione comunale diventando terra di nessuno - afferma il capogruppo della Lega Nord Fabrizio Ricca -. I cittadini, in questo modo, sono costretti a far da sè per garantire la sicurezza della zona".

Il progetto Urban Barriera, per il quale vennero stanziati 35 milioni di euro, dovrebbe essere portato a termine entro il 31 gennaio 2015 e con esso tutti i lavori di miglioramento elencati nel programma. Nel frattempo la Giunta Comunale ha approvato due progetti elaborati da Iren Servizi e inerenti alla manutenzione elettrica urbana, la cui spesa si aggira intorno ai 2 milioni e 300 mila euro. Le vie secondarie, quelle in cui si verificano i maggiori episodi di microcriminalità, ne restano, tuttavia, escluse.

"L'abbandono totale del quartiere è inaccettabile - conclude Fabrizio Ricca -. Ci batteremo fino a che Barriera torni a essere un posto dove essere felici di vivere".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Barriera, le sentinelle della notte contro il degrado: "L'amministrazione comunale ci ha abbandonato"

TorinoToday è in caricamento