menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Classifica de Il Sole 24 Ore: Torino maglia nera per scippi e rapine

Si è discusso in Sala Rossa a proposito delle classifiche pubblicate dal quotidiano di economia e finanza. Diverse le vedute da parte del sindaco Fassino e della maggioranza, da quelle dell'opposizione

La classifica de Il Sole 24 Ore sulla qualità della vita nelle varie provincie italiane ha messo in evidenza un problema ben noto a tutti riguardante Torino: quello della sicurezza e l'ordine pubblico. Se nella graduatoria generale i comuni del torinese (capoluogo piemontese compreso) ne escono al 52° posto - assolutamente non un buon piazzamento - le cose peggiorano guardando i dati nel dettaglio.

Torino figura al 106° posto della città nei dati su sicurezza e ordine pubblico, al 107° quando si parla di scippi, borseggi e rapine, al 101° per i furti in casa, al 97° per i furti d’auto, al 67° estorsioni e al 90° truffe e frodi. "Chi conosce la realtà delle periferie della nostra città - commenta il consigliere comunale Maurizio Marrone di Fratelli d'Italia -, può testimoniare che la graduatoria è uno specchio abbastanza veritiero della situazione, soprattutto per la innumerevole quantità di fronti aperti sul tema della sicurezza. Siamo forse l’unica grande città italiana che riesce a non rinunciare ad alcuna problematica inerente l’ordine pubblico".

Il tema della sicurezza è stato rimarcato anche durante le seduta del Consiglio comunale. A rispondere è stato chiamato il sindaco Piero Fassino: "Queste tabelle mi convincono poco soprattutto perché i parametri assunti mi sembrano del tutto astratti - il primo commento -. Ho l’impressione che queste statistiche vadano prese un po’ “con le molle”, sia quando dicono bene sia quando dicono meno bene. In ogni caso non mi rifiuto di analizzare questi dati, ma vorrei farlo con cognizione di causa".

Se la minoranza della Sala Rossa ha preso posizione affinché si analizzino i dati e si passi all'azione per migliorare, nel Partito Democratico c'è chi ha letto e interpretato la graduatoria de Il Sole 24 Ore in maniera diversa da tutti. "I parametri che fanno schizzare Torino in questa graduatoria sono i borseggi e i furti in casa che riguarda il numero delle denunce effettive - spiega il consigliere Silvio Viale -. E’ quindi possibile che un maggiore numero di denunce dovuto alla maggiore sensibilità dei nostri concittadini e alla migliore efficienza della Polizia, finisca per ripercuotersi “contro” proprio nella graduatoria".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Telepass Store, a Torino aperto il secondo punto vendita in Italia

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TorinoToday è in caricamento