Venerdì, 17 Settembre 2021
Cronaca Aurora / Lungo Dora Firenze

Al via il progetto Arcobaleno, stop al degrado sulle sponde della Dora

I City Angels percorreranno il lungo Dora per aiutare quei soggetti che ogni giorno bivaccano sulle panchine. Il progetto è stato sponsorizzato dalla circoscrizione Sette

La lotta al bivacco sulle sponde della Dora è ufficialmente partita. La circoscrizione Sette, a seguito delle segnalazioni dei residenti della zona, ha dato il via al progetto “Arcobaleno”. Un’azione di contrasto al degrado che ogni anno imperversa in questa stagione tra via Cigna e via Bologna, tra le borgate di Aurora e Porta Palazzo.

A farsi carico dei problemi delle persone che affollano le panchine del lungo Dora sarà la nota associazione City Angels che svolgerà – fino al prossimo settembre - un’azione di sostegno solidale e di recupero sociale rivolto a quelle persone che ogni giorno bivaccano senza una meta. I City Angels, perfettamente riconoscibili grazie alla loro felpa rossa e al basco blu, percorreranno le strade del quartiere cercando di avvicinare i soggetti, dialogando con loro e dove possibile tentando l’inserimento tramite servizi sociali in strutture adeguate.

“Dato che molti individui sono stranieri – spiega la coordinatrice del progetto Diletta Berardinelli - abbiamo presentato l’attività anche alle associazioni che partecipano al forum “Politiche di Integrazione e Nuovi Cittadini”, per sensibilizzarli su una problematica che vede coinvolti i loro connazionali. Ci attendiamo risultati molto importanti”. Tra le realtà che partecipano al piano di recupero delle sponde spiccano la chiesa ortodossa romena di via Cottolengo e le associazioni Fratia e Flacara.

E a supporto di tale iniziativa la Circoscrizione intende avviare, in collaborazione con i vigili urbani del territorio, un ulteriore momento informativo rivolto agli esercizi pubblici e commerciali in affaccio sull’area. Ma questo soltanto in un secondo momento. “Attraverso questo lavoro – concludono i coordinatori alla Sanità e al Commercio Ernesto Ausilio e Valentina Cremonini - ci ripromettiamo di promuovere la tutela del consumatore e di valorizzare il commercio responsabilizzando gli esercenti, in particolare quelli di origine straniera, alla conoscenza e al rispetto dei regolamenti vigenti”. La speranza, neanche a dirlo, è quella di non assistere più a risse sul lungo Dora o a panchine trasformate in dormitori.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Al via il progetto Arcobaleno, stop al degrado sulle sponde della Dora

TorinoToday è in caricamento