I cimiteri di Torino, i 9 più importanti della storia della città

Fino al Settecento non esistevano, oggi i cimiteri sono parte importante della città. Ecco la storia dei più importanti di Torino

Fino al 23 dicembre 1777, quando a Torino vivevano circa 83.000 persone, i torinesi come un po' tutti in Italia e in Europa erano soliti seppellire i propri cari nei cortili e giardini delle chiese, perché si credeva di favorire così l'ascesa in Paradiso. Ma l'aumento della popolazione nelle città, le epidemie e le precarie condizioni igienico-sanitarie avevano convinto Vittorio Amedeo III a emanare, il 25 novembre di quell'anno, un regio decreto subito recepito dal vescovo Francesco Lucerna Rorengo di Rorà per trovare zone al di fuori delle mura per edificarvi dei cimiteri ove procedere a sepolture e inumazioni.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: quali sono i sintomi, come si trasmette e come proteggersi

  • Tragedia nel bosco: ragazzina di 16 anni trovata impiccata a un albero

  • Bimba di sette anni morsa da una vipera mentre passeggia con i genitori: è grave

  • "L'abbraccio tricolore" delle Frecce, lo spettacolo nel cielo di Torino: foto e video

  • Torino e provincia, le attività commerciali che fanno consegne a domicilio

  • Mascherine obbligatorie questo fine settimana anche all'aperto, ma solo nei centri abitati

Torna su
TorinoToday è in caricamento