Cronaca Pozzostrada / Corso Filippo Brunelleschi

Il Senatore Manconi in visita al Cie: "E' una struttura fallimentare"

Accompagnato dai deputati democratici Stefano Esposito e Miguel Gotor, il Presidente della Commissione per la Tutela dei Diritti Umani ha visitato il centro di corso Brunelleschi

In corso Brunelleschi c'è il Cie (Centro di Identificazione ed Espulsione) di Torino. Una struttura ampiamente criticata da diversi partiti politici e che, in tempi recenti ma non solo, è stato tetro di rivolte e aggressioni alle forze dell'ordine. Il complesso torinese è stato visitato da Luigi Manconi, senatore del Pd e Presidente della Commissione per la Tutela dei Diritti Umani, accompagnato dai deputati democratici Stefano Esposito e Miguel Gotor.

"Il Cie è una struttura fallimentare se si guarda lo scopo per cui è stata creata", ha affermato Manconi, secondo cui il tempo medio di sessanta giorni per identificare un immigrato e i sedici mesi successivi, quale tempo massimo residuale di permanenza all'interno del complesso, sono una pena ingiusta e andrebbero abolite.

Attualmente il Cie di corso Brunelleschi ospita 43 immigrati. La capienza ne prevede un massimo di 77. All'interno della struttura, denuncia Manconi, c'è una promiscuità di "ospiti": si va da chi ha perso i documenti, a chi ha già scontato una pena all'interno delle carceri e chi, invece cerca asilo politico. "Una norma già approvata dal Governo vuole che l'identificazione sia fatta direttamente nelle carceri - dice Manconi -. Questo renderà superflua la presenza della metà delle persone attualmente presenti nei Cie. Ecco perché queste strutture non hanno più ragione di esistere".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il Senatore Manconi in visita al Cie: "E' una struttura fallimentare"

TorinoToday è in caricamento