Cronaca Lingotto / Via Tonale

Massaggi hard, chiusi due centri estetici cinesi a Torino

Massaggi hard in due centri benessere cinesi. La scoperta è della guardia di finanza di Torino, che ha sequestrato i centri Giada di Moncalieri e Nirvana di via Tonale a Torino e denunciato sei persone

TORINO - All'apparenza erano centri estetici, ma all'interno i servizi offerti erano di altro genere. Stiamo parlando di due centri estetici finiti nel mirino della Guardia di Finanza per i massaggi hard fatti ai clienti, ma non solo.

I due centri benessere cinesi sono stati sequestrati: si tratta del Giada di Moncalieri e del Nirvana di via Tonale a Torino. Secondo quanto accertato il giro d'affari per ognuno era di oltre 500 mila euro l'anno grazie a "massaggi" dal costo variabile dai 50 ai 150 euro. A conclusione delle indagini sono state denunciate sei persone, tra cui tre sorelle di nazionalità cinese, che gestivano i locali, un commercialista che si occupava della regolarizzazione delle massaggiatrici hot assumendole come colf e un docente universitario di 72 anni, che promuoveva i centri con annunci sul web. Questi sono accusati, a vario titolo, di sfruttamento e favoreggiamento della prostituzione e dell'immigrazione clandestina e di riciclaggio dei proventi illeciti.

Le indagini che hanno portato ai sequestri e alle denunce sono partite dall'anomala movimentazione finanziaria del professore universitario, che in pochi anni ha eseguito bonifici diretti verso la Cina per circa 500 mila euro a favore di soggetti collegati ai centri benessere chiusi. In più il soggetto in questione deteneva una quota di uno dei due centri benessere.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Massaggi hard, chiusi due centri estetici cinesi a Torino

TorinoToday è in caricamento