Cronaca San Salvario / Corso Massimo d'Azeglio, 9

Balli non consentiti in discoteca a Torino San Salvario: gli agenti interrompono la serata gay e la chiudono per cinque giorni

Presenti 200 dentro e 150 fuori

Chiusa per cinque giorni, dalla notte di domenica 1 agosto 2021, la discoteca Ottantaquattro (più nota come Club84) di corso Massimo d'Azeglio, nel parco del Valentino. Gli agenti della polizia locale (reparto polizia commerciale) sono intervenuti in quanto "due settimane fa - si legge in una nota - erano giunte alcune segnalazioni, confermate da video postati sui social, che vi si svolgevano attività di ballo, in violazione dei divieti vigenti sul contenimento dei contagi da covid-19". Quando sono intervenuti, era in corso una serata dell'associazione Lgbt Fly.

"Fuori dal locale - continua la nota -, in attesa di poter entrare, erano assembrate circa 150 persone, mentre all'interno della discoteca erano già presenti circa 200 clienti, perlopiù intenti a ballare e in gran parte privi di mascherina, proprio come indicato nelle segnalazioni ricevute nei giorni precedenti. Gli stessi addetti dell'organizzazione erano in gran parte privi di dispositivi di protezione individuale". Da qui la decisione di notificare il provvedimento di chiusura in quanto locali di questo tipo possono fare esclusivamente da bar in questa fase di contenimento del coronavirus.

Il provvedimento ha fatto incassare agli organizzatori la solidarietà di Davide Betti Balducci, candidato sindaco del Partito Gay. "Sono riusciti a chiudere la serata prima che cominciasse - dichiara -. Oltre ad uno Stato che è completamente fuori dalla realtà sociale e lavorativa degli italiani, abbiamo la sfiga di essere amministrati a Torino da una sindaca che da sempre vuole morte tutte le realtà sane della movida, domani sicuramente si lamenteranno della movida selvaggia, ma secondo voi i clienti del Qimanji di stasera dove andranno?".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Balli non consentiti in discoteca a Torino San Salvario: gli agenti interrompono la serata gay e la chiudono per cinque giorni

TorinoToday è in caricamento