La chat in cui si ordinavano stupri, mutilazioni ed esecuzioni di bambini: due ragazzini torinesi nei guai

Sequestrati files e supporti

immagine di repertorio

Due 17enni di Rivoli, un ragazzino e una ragazzina, sono indagati dai carabinieri di Siena per pedopornografia e istigazione a delinquere per avere fatto parte di una chat in cui si potevano ordinare, pagando in bitcoin o con carte prepagate, crimini atroci ai danni di bambini (stupri, amputazioni e omicidi) che si trovano nel sud-est asiatico. Il ragazzo è difeso dall'avvocato Stefano Tizzani. Non è chiaro se anche loro abbiano ordinato le violenze in prima persona.

L'inchiesta è il seguito di quella, di ottobre 2019, su un gruppo antisemita denominato Shoah Party. Il ragazzo 17enne è lo stesso già indagato in quel filone. Ieri mattina, mercoledì 15 luglio 2020, i carabinieri della compagnia cittadina si sono presentati nuovamente a casa sua. La ragazza è una sua compagna di scuola che ha parlato con lui di quelle cose in chat, anche se non è chiaro se abbia avuto degli accessi diretti alle stanze degli orrori sul web, denominate Red Room.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Sono stati sequestrati centinaia di migliaia di files, pc, telefoni, tablet, hard disk e chiavette usb su cui sarebbero custoditi files contenenti abomini di ogni genere, che venivano fatti circolare nel deep web. "Domani il giovane andrà a Firenze per essere ascoltato dai magistrati - dice l'avvocato Tizzani - e per chiarire la sua posizione".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Vince il concorso di bellezza pochi mesi dopo che i genitori chiudono l'azienda a causa del lockdown

  • Si sentono male in strada al mare: il figlio muore, il padre è gravissimo. Ipotesi overdose

  • Il film porno è girato nel parco cittadino: nuova performance del noto avvocato e di due pornostar torinesi

  • Lascia l'alpeggio e si sente male: in ospedale scoprono la positività al coronavirus

  • Guardia giurata uccide la ex compagna e poi si suicida, lei lo aveva lasciato da poco

  • Tragico scontro con un camion, morto un automobilista

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TorinoToday è in caricamento