Sabato, 25 Settembre 2021
Cronaca

Per salvare l'ex Moi un centro di ricerca biomedica di Università e Poli

I 17mila metri quadrati dell'ex Moi potrebbero trasformarsi in un polo strategico dove si fondono contemporaneamente le competenze di Università e Politecnico. A breve il parere del Consiglio Comunale

Un polo d'avanguardia nella ricerca biomedica nell'area dell'ex Moi. E' questa l'ultima proposta giunta sulla scrivania di Fassino e firmata dai rettori dell'Università di Torino e del Politecnico, insieme - come in molte altre occasioni - per salvare un'area che è diventata tempio di vandali e razzie.

Dopo le innumerevoli proposte che in questi anni si sono susseguite per rimettere in sesto gli edifici che al tempo delle Olimpiadi 2006 fruivano da uffici del comitato organizzativo, pare si sia finalmente giunti sulla strada giusta.

Il progetto costruito nei giorni scorsi dai due atenei mette anche in conto la capacità di sostenere i 200mila euro all'anno d'affitto: si tratta di un esperimento praticamente unico in Italia, dove nello stesso luogo - 17mila metri quadrati - si fonderebbero le competenze di Università e Politecnico. Un campus dedicato alle scienze della vita, dove vi siano aule, centri di ricerca e sviluppo tecnologico, un incubatore per star up per studiare ed approfondire i temi della biomedica.

Una vera svolta per il quartiere che da anni lamenta il dilagarsi dello spaccio e della criminalità, non solo all'interno degli ex mercati generali, ma anche all'interno delle palazzine colorate del vilaggio, ora casa abusiva di almeno 400 profughi. Con la proposta di Università e Politecnico, gli assessori Lo Russo e Passoni hanno congelato il bando pubblico con cui fino ad ora la Città ha cercato di trovare un gestore per stipulare una convenzione con i due atenei.

Servirà l'accordo con il Parcolimpico (che gestisce parte delle arcate) ed il via libera del Consiglio Comunale. Ma dopo quasi dieci anni, il Moi potrebbe finalmente cambiare vita e con esso il quartiere limitrofo.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Per salvare l'ex Moi un centro di ricerca biomedica di Università e Poli

TorinoToday è in caricamento