Rivolta al centro d'accoglienza, i profughi gettano il cibo in strada

Riso, verdura e hamburger buttati a terra, sotto gli occhi attoniti dei residenti. Oggi pomeriggio ci sono stati attimi di tensione in via Aquila

Il centro di accoglienza di via Aquila

Momenti di tensione oggi pomeriggio in via Aquila, in quartiere San Donato, dove ha sede il centro di accoglienza per richiedenti asilo gestito dalla cooperativa L'Isola di Ariel. Qui è scoppiata infatti una mezza rivolta: alcuni profughi hanno gettato cibo in mezzo alla strada per protesta.

Hamburger, riso e verdura buttati a terra perchè, secondo alcuni di loro, "vecchi di due giorni e immangiabili". Sotto gli occhi attoniti dei residenti, la protesta è andata avanti per un po': la polizia è dovuta intervenire e chiudere la via per ragioni di sicurezza e a poco a poco è riuscita a riportare la calma.

Ma la tensione al centro di accoglienza è alta già da qualche tempo: solo pochi giorni fa è stata sedata una rissa. Non mancano elementi facinorosi dunque così come esistono problemi di spazio. Al momento sono in 130 i richiedenti asilo che dormono in via Aquila e le ultime persone arrivate sono costrette a dormire per terra perchè coloro a cui è scaduto il progetto di accoglienza, non hanno intenzione di lasciare le stanze.  

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia in ospedale: neonata muore mezz'ora dopo la nascita

  • "Da domani la strada sarà piena di veleno per i vostri cani" e i residenti insorgono sul web

  • Doppia scossa di terremoto a mezz'ora l'una dall'altra: avvertite dalla popolazione

  • Scontro violento fra auto: i vigili del fuoco estraggono due ragazze dalle lamiere

  • Velocità rilevata con autovelox e telelaser: le vie interessate dai possibili controlli

  • Emergenza smog, tornano le limitazioni strutturali dopo la giornata di sciopero

Torna su
TorinoToday è in caricamento