Cronaca

Trappole per ciclisti nei boschi: cavi e rami sui sentieri

Forse solo scherzi di cattivo gusto ma che potrebbero causare gravi conseguenze a chi percorre i boschi in mountain bike

Vere e proprie trappole per i ciclisti disseminate nei boschi. Lungo i sentieri in collina a Moncalieri, Rivoli sul colle della Maddalena, sono stati individuati cavi d'acciaio e fili di nylon da pesca, trasparenti, e pertanto non visibili a distanza, legati da un albero all'altro che possono causare gravi incidenti a chi questi posti li esplora in mountain bike.

Ma anche rami distesi a ingombrare il percorso, fissati alle estremità a tronchi d'albero con nodi stretti:  insidie create ad arte per causare danni gravi o semplicemente scherzi di cattivo gusto? Una cosa è certa: se un ciclista, scendendo con la sua mountain bike a tutta velocità dai sentieri, si dovesse imbattere in queste trappole, le conseguenze per lui potrebbero essere serie.

Chi abitualmente frequenta la discesa della "Chiesella" al colle della Maddalena in bici e ha scoperto la presenza dei cavi e dei rami, giura che il tutto è stato preparato tra il pomeriggio di mercoledì e la mattina di giovedì. Ora si attende che le forze dell'ordine facciano un'ispezione in loco per individuare i responsabili.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Trappole per ciclisti nei boschi: cavi e rami sui sentieri
TorinoToday è in caricamento