Cronaca Mirafiori Sud / Via Agostino Bertani

Lapide spostata al cimitero Parco, spunta la denuncia di un uomo: "Dov'è la fossa di mia mamma?"

Differente, però, è il parere di Afc secondo cui non ci sarebbe stato alcuno scambio di tombe

La domanda è chiara: “Sto pregando sulla tomba di mia mamma o su quella di qualcun altro?”. A farsela è Javier, 48 anni che a giugno ha dovuto dire addio alla mamma Maria. Senza, però, mai dimenticarsi di andarla a trovare ogni settimana. Presso il cimitero Parco di via Bertani.

E proprio al campo numero 33, durante l’ultima visita di agosto, è nato un caso. Mentre pregava l’uomo si è accorto che l’arredo provvisorio, una lapide in plastica collocata sopra la tomba di sua mamma, si trovava in un punto diverso rispetto alla sua ultima visita. Proprio come se lo avessero spostato.

“Ho notato che l’area che include la sua fossa era stata coperta da teli neri – racconta Javier -. Gli arredi in plastica temporanei, utili all’individuazione di ogni tomba, erano stati disposti senza cura e in modo diverso rispetto a prima: stesso ordine, ma tutto slittato in senso orizzontale».

Come se l’arredo si trovasse improvvisamente sopra la tomba del vicino. “Così mi è venuto il dubbio sulla posizione della fossa” continua il 48enne.

La pensa diversamente Afc che ha subito cercato di tranquillizzare il cittadino. “Ci teniamo a precisare che la sepoltura concessa alla signora è quella assegnata al momento del funerale e nulla da quel giorno è cambiato”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Lapide spostata al cimitero Parco, spunta la denuncia di un uomo: "Dov'è la fossa di mia mamma?"

TorinoToday è in caricamento