menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Ecco le condizioni dei cani di Caselle

Ecco le condizioni dei cani di Caselle

Cani abbandonati a loro stessi, senza cibo da oltre venti giorni

Il proprietario rischia la denuncia

Non mangiavano da almeno venti giorni quei due cani - un Corso e un American - abbandonati a loro stessi, alla periferia di Caselle.

L'amara scoperta è stata fatta qualche giorno fa, dopo la segnalazione fatta da alcuni residenti al veterinario - e consigliere comunale - Andrea Fontana, il quale ha subito deciso di contattare la polizia municipale e l'Eipa (Ente italiano per la protezione degli animali).

Nella mattinata di lunedì 30 dicembre 2019, è stato effettuato un primo sopralluogo da parte dei volontari dell'Eipa, mentre martedì mattina, 31 dicembre 2019, gli agenti della polizia locale, su ordine del sindaco Luca Baracco, hanno preso possesso dei cani, poi trasferiti al canile municipale di Settimo Torinese, cittadina con la quale Caselle ha la convenzione in caso di ritrovamento di cani o abbandono di animali.

Da quanto sono riusciti a ricostruire l'Eipa e la municipale, i due cani erano stati affidati da un casellese - che vive a Torino - all'anziano padre che, però, da qualche tempo si trova in ospedale.

Nessuno, dal momento del ricovero, è mai andato a dar loro da mangiare. E qualche sera fa, forse per disperazione, i due cani - piuttosto adulti - si sono addirittura azzuffati. 

"La American ha il naso morsicato, mentre il Corso ha tagli e i segni dei morsi sulle zampe. Ora verranno nutriti e rimessi in sesto in canile, prima di procedere ad una adozione", spiegano dall'Eipa. 

Intanto proseguono le indagini da parte degli agenti della polizia locale di Caselle: il proprietario (non il padre, ndr) rischia una denuncia per abbandono di animali. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Telepass Store, a Torino aperto il secondo punto vendita in Italia

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TorinoToday è in caricamento