menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Blitz davanti al carcere delle Vallette, carabiniere stordito da una bomba carta

E' stato necessario trasportarlo al pronto soccorso dell'ospedale Maria Vittoria, ma non è grave. Il militare dell'Arma stato stordito dallo scoppio di una bomba carta lanciata da un gruppo di antagonisti

Un brutto episodio si è verificato nella serata di ieri. Una decina di antagonisti si è reso protagonista di un blitz di fronte al carcere delle Vallette di Torino, dove in questi giorni si stanno celebrando diverse udienze in processi No Tav. Dopo un fitto lancio di petardi e bombe carta contro l'aula bunker, il gruppetto si è disperso. Sul posto erano presenti le forze dell'ordine e un carabinieri di 25 anni è rimasto stordito dallo scoppio di un grosso petardo lanciato vicino a lui. Il militare è stato medicato sul posto e accompagnato al pronto soccorso dell'ospedale Maria Vittoria per accertamenti. Dopo la notte passata sotto controllo, il carabiniere è stato dimesso in mattinata senza alcuna lesione, ma con un trauma uditivo da scoppio.

Il commento del Sindacato Autonomo di Polizia >>

"E' un fatto gravissimo", commenta il senatore Stefano Esposito apprendendo quanto successo in via Pianezza, seguito a ruota dal responsabile Sicurezza del Pd, Emanuele Fiano: "Questo è l'ennesimo atto di violenza del gruppo No Tav davanti all'aula bunker - afferma -. E' un gesto che non può che confermare in noi la certezza che questa battaglia di giustizia contro chi vuole riportare la violenza dentro lo scontro politico va condotta con determinazione".

Quest'oggi è in programma un'udienza all'interno dell'aula bunker all'interno del carcere delle Vallette. Il processo vede imputati i quattro attivisti No Tav accusati di terrorismo.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TorinoToday è in caricamento