Domenica, 13 Giugno 2021
Cronaca

“Una canzone d'amor”: l'ironia del torinese Dalì nel tormentone perfetto per Natale

Un pezzo divertente, ma con il ritmo giusto: ecco la canzone che da Torino potrebbe conquistare le orecchie di tutti

Barbe lunghe, amore, noti dolci e molta ironia: ha tutte le caratteristiche per diventare il tormentone di Natale 2016 il pezzo melodico-ironico “Una canzone d'amor” di Loris Dalì, “cantattore” di Torino che in qualche modo ricorda il grande Giorgio Gaber.

Non nell'aspetto, questo è sicuro: barba lunga e canuta, stazza imponente, anelli e bracciali in bella mostra per Loris Dalì, autore torinese che spazia dal folk al rock e allo swing. Sempre con l'ironia di chi ammette “io che non sono Battisti e tanto meno De Andrè”.

Eppure le citazioni note non mancano in questa canzone d'amore un po' sui generis: da Mogol a Raffaella Carrà passando per Vinicio Capossela, Loris Dalì si diverte a prendere in giro se stesso e le canzoni “in LA MI RE MI come la Canzone del sol...”.

Ritornelli e cori restano in testa facilmente, così come le battute scherzose fuori campo: ecco l'interpretazione di Loris Dalì, Diego Castagna ed Egidio Costello nel primo estratto dall'album “Gekrisi” (in streaming su Soundcloud). Direttore della fotografia Marcello Nigra.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

“Una canzone d'amor”: l'ironia del torinese Dalì nel tormentone perfetto per Natale

TorinoToday è in caricamento