Domenica, 19 Settembre 2021
Cronaca Barriera di Milano / Via Aosta

Le cantine delle case popolari invase da rifuti e da carcasse di blatta

I residenti del civico 31 di via Aosta denunciano le pessime condizioni dei seminterrati. Ma l'Atc replica "Nessuno vuole pagare la quota del'intervento"

Carcasse di scarafaggio e topi morti. Ma anche vere e proprie discariche. Nel seminterrato delle case Atc di via Aosta 31/f le condizioni igieniche sono solo un ricordo. A farla da padrone sono i rifiuti, gettati per terra da qualche incivile. Camminare in alcuni punti è quasi impossibile, ci si può imbattere in vecchi sanitari, vestiti abbandonati e sacchi pieni di oggetti che nessuno usa più da chissà quanto tempo. Alcune cantine sono incredibilmente aperte e dentro si possono trovare masserizie impolverate e avanzi di cibo. Non mancano nemmeno gli animali morti. Le carogne maleodoranti di ratti e blatte sono ben visibili sul pavimento. Come dimostrano le foto scattate da alcuni residenti che a tutto questo degrado vorrebbero proprio ribellarsi.

Un documento sull’emergenza sanità nelle cantine Atc è stato presentato di recente dalla consigliera di Fratelli d’Italia della circoscrizione Sette Patrizia Alessi e dal capogruppo di FdI in Comune di Torino Maurizio Marrone. “L'Atc di Torino denuncia da tempo la mancanza di fondi necessari per garantire manutenzione e restauro dei suoi immobili – chiosano Alessi e Marrone -. Tuttavia il Comune non può tollerare che le case popolari siano abbandonate al degrado e all'abusivismo”. Alla Città viene chiesto di saldare il debito nei confronti dell’Atc versando quel denaro fresco indispensabile per sbloccare i progetti di riqualificazione previsti in molti dei quartieri torinesi.

Ma una prima deblattizzazione e derattizzazione sarebbe già stata portata a termine la scorsa estate, ma solo nelle parti comuni e non nelle cantine. A dichiararlo è proprio la stessa azienda di corso Dante. “Per le cantine non è stato possibile procedere in quanto occupate da masserizie - spiega Atc -. Abbiamo proposto in assemblea un intervento per toglierle e per fare una disinfestazione ma i residenti non hanno approvato. In mancanza del benestare dei proprietari che non intendono pagare la quota dell’intervento la deblattizzazione non può esser eseguita”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Le cantine delle case popolari invase da rifuti e da carcasse di blatta

TorinoToday è in caricamento