Cronaca Aurora / Corso Principe Oddone

Code, smog e traffico. Corso Principe Oddone bocciato dai cittadini

Attraversare il corso in auto o in pullman significa rimanere intrappolati nella morsa del traffico. Un problema che si presenta soprattutto nelle ore di punta

Corso Principe Oddone è ormai diventato da bollino rosso. Grossi problemi di viabilità, infatti, sono diventati la costante per chi percorre il tratto di strada che va da piazza Statuto fino alla stazione Dora. Colpa ancora una volta del cantiere del passante ferroviario che sta creando numerosi disagi a tutti i veicoli. I lavori in corso hanno dimezzato le carreggiate e creato notevole difficoltà di transito. I problemi maggiori sono caduti sulle spalle dei mezzi pubblici che, tra una sosta ed un’altra lungo le molteplici fermate, subiscono pesanti rallentamenti nel loro percorso. Numerose le code ai semafori e nelle zone presidiate dai cantieri.

I cittadini sono spazientiti e chiedono interventi immediati per risolvere l’annosa piaga. In particolare i disagi maggiori si verificano durante gli orari critici della giornata: alle prime ore del mattino, nelle ore di uscita degli studenti dalle scuole e al ritorno dei lavoratori alle loro dimore. A non prenderla con filosofia sono tutti coloro che usano l’autobus per muoversi da una zona all’altra della città.

Mariangela, 45 anni, è piuttosto critica. "Non sono contraria ai lavori ma da quando sono iniziati i bus ci mettono il doppio del tempo per attraversare tutto il corso. Di conseguenza vi è il rischio concreto di arrivare tardi in ufficio". La situazione non è rosea neanche per chi prende la macchina per spostarsi. Anzi per qualcuno usare l’auto è quasi peggio che avere gli incubi.


Come Giuliana, 34 anni, che racconta così le sue stressanti mattine: "Ogni giorno assisto impotente alla situazione di corso Principe Oddone, le code sembrano non finire mai. Quando capita l’imprevisto, per esempio il furbo che sosta allegramente in doppia fila laddove non esiste spazio, la gente si innervosisce perché perde una quantità inverosimile di tempo". Prova a trovare una soluzione che vada bene a tutti Mario, 40 anni: "Per evitare eccessive polemiche sostengo che basterebbe tenere aperto un cantiere per volta invece che due, così si ridurrebbero le questioni una volta per tutte".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Code, smog e traffico. Corso Principe Oddone bocciato dai cittadini

TorinoToday è in caricamento