menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

I cantieri stritolano il commercio. Rivolte e disagi a Porta Palazzo

Ambulanti e residenti contro i lavori di manutenzione che terranno chiuso corso Giulio Cesare fino al prossimo settembre

Non si placano le polemiche contro i cantieri stradali che stanno tenendo sotto scacco corso Giulio Cesare, tra il lungo Dora Firenze e piazza della Repubblica. I lavori di manutenzione della sede tranviaria stanno preoccupando i residenti, costretti a convivere con spacciatori e delinquenti, e danneggiando le attività che gravitano attorno all’area di Porta Palazzo. I quartieri Aurora e borgo Dora chiedono gli sgravi e sperano che i lavori rispettino i tempi previsti. I cantieri, infatti, dovrebbero chiudere i battenti entro metà settembre. Ma il condizionale in questi casi è d’obbligo.

Tanti i disagi anche per gli ambulanti che hanno visto diminuire notevolmente gli incassi. A cominciare dalla chiusura del corso principale e continuando con la mancanza di passaggi delle auto e dei mezzi del Gtt, spostati per l’occasione nell’affollatissimo corso XI Febbraio. “Da qui alla fine del mese di agosto rischiamo di fare pochi affari – lamentano gli ambulanti -. I cantieri ci stanno portando via la clientela e in un momento di crisi come questo un altro problema proprio non ci voleva”. Basta recarsi sul ponte Mosca per rendersi conto della situazione.

Il cavalcavia che divide le sponde della Dora è chiuso da giugno, invalicabile per le auto e i mezzi di soccorso. Solo i pedoni possono utilizzarlo. Tra via Noè e lungo Dora Agrigento ci si può imbattere in un secondo cantiere, sempre legato ai lavori di manutenzione. I mezzi possono transitare solo sulle corsie esterne mentre l’asse centrale è completamente bloccato. Per questi motivi alcuni operatori avrebbero persino scritto al Comune di Torino lamentando la mancanza di informazioni e i tempi previsti per la realizzazione dell’opera. “I cartelli sparsi in lungo e in largo stanno tenendo le auto lontane dalla zona – spiega un commerciante di corso Giulio Cesare -. Per noi è un brutto colpo, non possiamo andare avanti così fino al prossimo settembre. A questo punto chiudiamo tutto e andiamo in ferie”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TorinoToday è in caricamento