Cronaca Pozzostrada / Via Vipacco

Via Vipacco, stallo per il nuovo centro anziani: "Perché il cantiere è fermo?"

I lavori per ricostruire l'isolato distrutto da un incendio nel 2010 sono fermi da un paio di mesi. Il consigliere Marcello Geninatti Togli prepara un'interpellanza

Dopo quattro anni di abbandono, si pensava che ormai per l'ex centro anziani di via Vipacco si fosse giunti ad una svolta: l'anno scorso, le ruspe erano entrate in azione per iniziare la costruzione della nuova palazzina che vi dovrà sorgere, assieme al nuovo centro di incontro del quartiere. Invece, da due mesi tutto il cantiere è fermo.

Di operai nemmeno l'ombra: lo si può vedere da un varco aperto nel lato di via Rieti, dal quale si può osservare che lo scavo è stato fatto, ma che i lavori non progrediscono. I residenti iniziano a temere che si ripeta lo stallo che aveva portato all'inesorabile degrado dell'isolato, quando per tre anni erano rimaste le macerie del centro anziani e del magazzino del Teatro Stabile divorati dalle fiamme nell'aprile del 2010.

Il consigliere della Circoscrizione Tre Marcello Geninatti Togli (Nuovo Centro Destra) afferma: "E' impensabile che i lavori rimangano fermi così a lungo: sembra che sia da due mesi che non si vede un operaio. La recinzione divelta è inoltre motivo di rischio, perché chiunque può entrare dentro l'area di cantiere, con evidenti rischi. Al Comune chiederò con un'interpellanza cosa si intenda fare, e che futuro ci si deve aspettare per il centro di incontro".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Via Vipacco, stallo per il nuovo centro anziani: "Perché il cantiere è fermo?"

TorinoToday è in caricamento