Cronaca Barriera di Milano / Via Aosta

Rivolta da via Aosta: "La pista ciclabile si mangia i parcheggi"

I residenti di via Aosta non hanno gradito la scelta di cancellare i posti auto e diminuire la carreggiata per far passare la ciclabile targata Urban

Primi grattacapi per il nuovo progetto della pista ciclabile di Barriera di Milano. In via Aosta un gruppo di residenti si è opposto all’apertura del cantiere via Clementi e corso Novara. Secondo i cittadini la pista riservata agli amanti delle due ruote cancellerebbe molti parcheggi oltre a diminuire le dimensioni della carreggiata. Il tracciato in questione, infatti, è stato realizzato proprio a ridosso di una delle due corsie, a scapito dei posti auto. “La via è già stretta, non ci pare proprio una buona idea – lamenta uno dei residenti del quartiere -. Come se non bastasse il 57 percorre via Aosta sia in un senso sia nell’altra. A questo punto forse era meglio prendere in considerazione altre ipotesi”.

In difesa dei residenti si sono subito schierati il coordinatore all’Urbanistica della circoscrizione Sei Fabrizio Genco e il consigliere provinciale Raffaele Petrarulo. “Ci sono molte perplessità – spiegano i due – contatteremo l’amministrazione comunale per vedere di trovare una soluzione che accontenti entrambi le parti. Tra le proposte più significative spicca il trasloco della linea 57 del Gtt in via Ternengo, ma nella sola direzione del centro città”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rivolta da via Aosta: "La pista ciclabile si mangia i parcheggi"

TorinoToday è in caricamento