Cronaca

Torino, una petizione chiede la coltivazione della cannabis a fini terapeutici

In Italia consumare marijuana a fini curativi è legale ma non è legale coltivarla: un paradosso che crea ai pazienti complicazioni e ostacoli nell'iter di approvvigionamento

Sono 363 i firmatari della petizione che chiede al consiglio comunale l'attivazione di un progetto di coltivazione e di distribuzione della cannabis, a scopi terapeutici. In Italia infatti l'utilizzo dei farmaci cannabinoidi a fini curativi è legale ma non lo è la loro coltivazione: un paradosso che continua a creare difficoltà a chi potrebbe trarre vantaggio dalla sua consumazione. La cannabis, non essendo disponibile sul territorio nazionale, deve essere importata dall'estero - generalmente dall'Olanda - e l'iter burocratico di approvvigionamento prevede numerosi passaggi, risultando irto di blocchi e ostacoli. Nel 2013 infatti solo 60 persone su oltre 500 mila, sono riusciti a fare uso di cannabinoidi a scopo terapeutico. E se si parla di prezzi le cose peggiorano ulteriormente. Acquistare il farmaco all'estero costa tra i 15 e i 20 euro al grammo contro un costo di produzione stimato in 1,55 euro al grammo. 

I benefici della marijuana a scopo curativo è già stato ampiamente riconosciuto. E' stato provato ad esempio che riduce nausea e vomito nei pazienti malati di tumore durante pesanti sessioni di chemioterapia; può far diminuire le crisi e alleviare i sintomi dell'epilessia e di altre malattie neurologiche; aumenta la mobilità e diminuisce la rigidità muscolare nel malati di sclerosi multipla. Per tutte queste ragioni, i firmatari della petizione propongono di sostenere, rafforzare e ampliare il documento presentato dal consigliere Silvio Viale e approvato dal Consiglio comunale di Torino lo scorso gennaio. L'obiettivo è quello di invitare la Regione Piemonte ad attivare tutte le procedure necessarie per autorizzare terapie a base di cannabinoidi e di considerare la fattibilità di una produzione di medicinali a base di cannabis. In Italia, l'unico ente incaricato dal Governo per la produzione di farmaci di questo tipo, è infatti lo Stabilimento chimico farmaceutico di Firenze.

"Non c'è nessun motivo oggi per cui questa coltivazione non possa essere estesa in Italia - ha dichiarato Giulio Manfredi, primo firmatario della petizione e segretario dell'Associazione Radicale Aglietta -. Chiediamo al Consiglio Comunale di impegnarsi per intraprendere progetti pilota di coltivazione della cannabis presso l'IPLA di Torinol'Istituto Bonafous di Chieri dove non mancano figure professionali altamente qualificate".  

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Torino, una petizione chiede la coltivazione della cannabis a fini terapeutici

TorinoToday è in caricamento