Cagnolino sfruttato per l'accattonaggio, le volontarie lo salvano dal suo aguzzino

Soltanto dietro il pagamento di un riscatto, una volontaria è riuscita a portare via il cane che è stato adottato da una donna

Importano i cani dall’Est e poi li sfruttano per l’accattonaggio, per spillare qualche soldo ai cittadini. L’ennesimo episodio si è consumato davanti al supermercato Ipergross di lungo Stura Lazio dove un nomade ha tenuto in ostaggio per giorni un cagnolino.

Charly, questo il nome della vittima, è stato adocchiato dai volontari dell’associazione Gattagorà. Il suo padrone lo teneva al guinzaglio con qualche croccantino e del cibo per gatti. Sperando, così, di impietosire i passanti. “Il cucciolo rimaneva per giorni sotto il sole, sembrava intontito” raccontano i volontari che si sono fermati a parlare con il suo aguzzino.

Soltanto dietro il pagamento di un riscatto, una volontaria è riuscita a portare via il cane che è stato adottato da una donna a cui era mancato il precedente compagno di giochi. Ma il rischio, ora, è che il suo ex proprietario tenti di cercare un altro cane con cui mendicare. “Per questo – concludono da Gattagorà -, invitiamo le forze dell’ordine a tenere gli occhi aperti su questo fenomeno”.

Potrebbe interessarti

  • Medusa, rimedi anti puntura: gli errori da non commettere mai

  • La salute prima delle vacanze, boom di check-up al Koelliker

  • Bevute eccessive: gli effetti immediati, il post-sbornia, i rimedi

  • Spioncino digitale, la tecnologia al servizio della sicurezza

I più letti della settimana

  • Ragazza arriva in ospedale per un trapianto di cuore, ma i medici salvano il suo

  • Tragedia nella caserma degli alpini: militare trovato impiccato alla tromba delle scale

  • Muore otto giorni dopo l'incidente: era troppo debole, non ce l'ha fatta

  • Seconda giornata di maltempo: la tromba d'aria si sposta, altri danni

  • Due auto e una moto si scontrano: feriti i tre conducenti, strada chiusa

  • Viene travolta da un'auto mentre attraversa la strada: è grave in ospedale

Torna su
TorinoToday è in caricamento