Domenica, 24 Ottobre 2021
Cronaca

Cancellato l'ergastolo al 'boia di Centocelle' che fu arrestato a Torino: sconterà 30 anni

Accusato di avere ucciso tre sorelle

Cancellato l'ergastolo a Serif Seferovic, il 23enne rom bosniaco accusato di avere provocato, mediante il lancio di una bottiglia molotov, rogo di Centocelle del 10 maggio 2017 a Roma, costato la vita a Francesca, Angelica e Elisabeth Halilovic, 4, 8 e 20 anni.

Lo ha stabilito ieri, giovedì 7 gennaio 2021, la Corte d'assise d'appello di Roma, che ha deciso per il ragazzo una condanna a 30 anni di carcere, accogliendo una richiesta della procura generale in base a un ricalcolo su basi giuridiche.

Seferovic, che ha seguito la lettura della sentenza collegato in videoconferenza, era stato fermato due volte dopo l'accaduto, prima a Torino Lingotto e poi, dopo una scarcerazione, in un campo nomadi a Moncalieri.

Nei suoi confronti la procura contestava i reati di omicidio plurimo, detenzione, porto e utilizzo di armi da guerra e incendio doloso. Per questa vicenda è stata condannata a 20 anni la cognata di Seferovic, Lisabeta Avicola, mentre risulta ancora latitante in Bosnia il fratello dell'imputato, Renato.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cancellato l'ergastolo al 'boia di Centocelle' che fu arrestato a Torino: sconterà 30 anni

TorinoToday è in caricamento