Cronaca

Cancellata la Biennale, Sgarbi se la prende con Coppola e Rosso

L'inaugurazione al Museo di Scienze Naturali, in programma mercoledì prossimo, è saltata. Furioso Vittorio Sgarbi, il curatore, per la "cattiva organizzazione dell'evento da parte della Regione Piemonte"

Il rischio è che non ci sia nessuna Biennale d'Arte del Piemonte, né adesso né in futuro. L'inaugurazione al Museo di Scienze Naturali, in programma mercoledì prossimo, è saltata. Ora il futuro ha due nomi, e nessuno dei due suona bene: annullamento o ridimensionamento. Nei giorni scorsi numerosi artisti noti, giudicando la Biennale poco rappresentativa dell'arte piemontese, avevano dato forfait: Mainolfi, Gastini, De Paris, Astore, Maura Banfo, Paolo Leonardo, Ragalzi, Sena.

Furioso Vittorio Sgarbi, il curatore, per quella che considera una cattiva organizzazione dell'evento da parte della Regione Piemonte. "Mi aspettavo almeno 150 espositori per fare una mappatura completa della situazione artistica del Piemonte, invece mi sono trovato di fronte una vera miseria" tuona Sgarbi.   

L'ira di Sgarbi ha bersagli precisi: il sottosegretario Roberto Rosso, l'assessore regionale Michele Coppola e il direttore regionale dei beni culturali Mario Turetta, tutti "non all'altezza della situazione", secondo Sgarbi.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cancellata la Biennale, Sgarbi se la prende con Coppola e Rosso

TorinoToday è in caricamento