Cronaca Villaretto / Strada del Francese

Un campo nomadi al Villaretto? Il Comune di Torino dice di no

Dopo le polemiche sollevate dai residenti del quartiere gli assessori della Città hanno risposto negando ogni possibile progetto di realizzazione di un'area per nomadi in strada del Francese

I residenti del Villaretto scendono in strada per dire no alla realizzazione di un campo nomadi in strada del Francese. Il Comune di Torino li tranquillizza e nega ogni possibile progetto. Ma quale sarà la verità? Al Villaretto sembrano avere tutti le idee molto chiare. Il quarto campo – così lo chiamano i residenti della periferia per differenziarlo dagli altri – è diventato una sorta di vero e proprio incubo. Così grande che in tanti si dichiarano persino disposti ad occupare la tangenziale pur di far sentire le loro ragioni.

La zona, del resto, di problemi ne ha già tanti. A cominciare dalla carenza di servizi e continuando con la vicinanza con il campo abusivo di via Germagnano che di problemi ne ha dati tanti nel corso degli ultimi anni. Furti negli appartamenti, addirittura razzie di granoturco e animali. Come raccontato di recente da un gruppo di coltivatori. Le villette abusive, le discariche di strada Bellacomba, la presenza di un solo pullman di linea gli altri problemi che tormentano da tempo i cittadini.

“Abbiamo già abbastanza grane con i nomadi che alloggiano in via Germagnano – denuncia Riccardo, portavoce di un intero quartiere -. Figurarsi cosa potrebbe succedere se ce li trovassimo a due isolati da casa. Del resto il terreno su cui il Comune vorrebbe piazzare le roulotte si trova proprio a pochi metri dalle nostre case”.

Secondo la Città, invece, il campo nomadi in strada del Francese non si farà. La replica è arrivata dagli assessori alle Politiche sociali e alla Polizia municipale Elide Tisi e Giuliana Tedesco che hanno smentito la realizzazione di una nuova area sosta per i nomadi. “Questa possibilità non è stata presa in considerazione, né è stata oggetto di valutazione” hanno precisato Tisi e Tedesco. Il problema rom, tuttavia, rimane. “L’area del Villaretto attende il completamento di alcune opere – dichiara la presidente della circoscrizione Nadia Conticelli -. Al confine con Borgaro c’è un potenziale importante di sviluppo su cui la città deve puntare”. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Un campo nomadi al Villaretto? Il Comune di Torino dice di no

TorinoToday è in caricamento