Cronaca Madonna di Campagna / Strada dell'Aeroporto

Rifiuti e villette abusive. Il campo nomadi dell'Aeroporto nel mirino dei cittadini

Non solo lungo Stura e via Germagnano. Anche la baraccopoli dell'Aeroporto evidenzia tutti i suoi difetti. A preoccupare sono anche i falò accesi dagli abitanti

Dopo lungo Stura Lazio e via Germagnano anche il campo nomadi di strada dell’Aeroporto sembra mostrare tutti i limiti palesati negli ultimi anni. Parliamo innanzitutto di quelle valanghe di rifiuti ammassati ai bordo del campo stesso, oltre quel muretto che delimita l’area riservata ai nomadi. E poi quelle villette, nuove di zecca, e quelle case in muratura che fanno venire più di un sospetto.

Così vivono i rom che da vent’anni risiedono in strada dell’Aeroporto, al confine tra le circoscrizioni Cinque e Sei. Una delle baraccopoli più grosse della città. Uno dei campi sotto l'occhio del ciclone a causa degli incendi e dei fumi che si innalzano quotidianamente al cielo. Come segnalato più volte, tramite e foto e video, da molti residenti di Torino e provincia.

La cittadella che costeggia l'autostrada conta un gran numero di alloggi che poco hanno a che vedere con le roulotte e le casette di fortuna che si trovano presso le altre baraccopoli. Al contrario, anche qui, sono tanti i rifiuti sparsi in lungo e in largo. Persino fuori dal campo stesso. Su quella stradina sterrata che solo i nomadi utilizzano ogni giorno per recarsi alla fermata del pullman della linea 69. “Vorrei sapere chi ha dato loro il permesso di costruire quelle villette – dichiara il capogruppo della Lega Nord della Sei Enrico Scagliotti -. Possibile che nessuno ne sia al corrente? E perché il Comune non interviene? Cosa deve ancora succedere di grave?”.

Increduli sono anche i pochi residenti della zona che il problema lo conoscono molto bene ”Pare chiaro che con gli anni la situazione sia sfuggita di mano sia all’amministrazione e alle forze dell’ordine” lamenta uno di loro. I vigili, in realtà, ci sono eccome. Il problema è che in tutti questi anni i nomadi ne hanno fatte di cotte e di crude e controllarli è diventata una vera e propria impresa. “Stiamo lavorando per trovare un'uscita. Non sarà facile ma ci proveremo” replica la presidente della circoscrizione Nadia Conticelli. Ma la soluzione, agli occhi dei più, pare ancora lontana.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rifiuti e villette abusive. Il campo nomadi dell'Aeroporto nel mirino dei cittadini

TorinoToday è in caricamento