Venerdì, 22 Ottobre 2021
Cronaca Centro / Via Po

Colore "sbagliato" al campanile della Santissima Annuniziata, è polemica

Secondo la Soprintendenza, invece, il color caramello rappresenterebbe la tonalità più vicina a quella originale e presto le mura della chiesa potrebbero fare la stessa fine

Dopo un anno di lavori, il campanile della Santissima Annunziata in via Po è stato restituito ai cittadini, peccato che la sua nuova veste, color caramello, abbia fatto scattare la polemica.

L'edificio della chiesa, infatti, si erge di un bianco smagliante, totalmente in contrasto con il colore del campanile. Solo capricci o un vero e proprio smacco al lifting del centro?

In realtà, sono anni che l'Ufficio Colore del Comune sorveglia la colorazione del centro, passando in rassegna i vari edifici e "sbianchettando" dai muri storici il cosiddetto "giallo Torino". Un'operazione che ha reso conformi molti edifici sabaudi importanti, come il Palazzo Reale e gli edifici di piazza Carignano.

Con i lavori al campanile della Santissima Annunziata, invece, si è avuto il processo inverso: da bianco, colore in perfetta armonia con il resto della costruzione, si è passati ad un color terra che ha fatto rimanere attoniti sia diversi storici d'arte sia lo stesso parroco don Ezio Stermieri.

A pensarla diversamente, invece, l'architetto che ha eseguito i lavori, fermo nell'affermare che la Soprintendenza ha scelto il "caramello" dopo lunghe ricerche. Il colore che ha fatto scattare la polemica, infatti, rappresenta la tonalità più vicina a quella originale.

Niente da fare, dunque: i torinesi saranno costretti ad abituarsi a vedere uno dei campanili storici di Torino dipinto di "giallo" e potrebbero, a breve, avere altre sorprese.

Secondo le indiscrezioni trapelate da Palazzo Chiablese, infatti, la chiesa potrebbe avere lo stesso trattamento e finire con le mura dipinte di caramello.

Gabriele Bbolognesi c.-2

Gallery

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Colore "sbagliato" al campanile della Santissima Annuniziata, è polemica

TorinoToday è in caricamento