Mercoledì, 22 Settembre 2021
Cronaca

Campagna della Lav contro i botti, chiesta tutela per animali e malati

L'associazione animalista torna a schierarsi in prima linea contro gli spettacoli pirotecnici di Capodanno. Raccolte già duemila firme di protesta

Botti di Capodanno e animali. Un tormentoso che in questi giorni è tornato prepotentemente in auge grazie alla Lav che ha lanciato un appello all'amministrazione comunale alla vigilia dei festeggiamenti per il nuovo anno. La richiesta è solo una: ossia quella di vigilare sul rispetto dei regolamenti che vietano l'utilizzo di botti e petardi nei giorni precedenti e successivi al Capodanno.


L'iniziativa rientra nell'ambito della campagna "Gli animali valgono più di un botto?", lanciata dalla Lav lo scorso 6 dicembre. L'appello si rivolge all'assessorato allo Sport con la preghiera che venga messa la parola fine ai fuochi pirotecnici rumorosi. "Bisogna utilizzare fuochi d'artificio silenziosi accompagnati da un sottofondo musicale".

La petizione della Lav, intanto, è già arrivata a quota 2mila firme in pochi giorni, a testimonianza dell'interesse di molte persone al superamento dell'uso delle esplosioni, nocive per gli animali, ma indigeste anche ad anziani, bambini piccoli e ammalati.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Campagna della Lav contro i botti, chiesta tutela per animali e malati

TorinoToday è in caricamento