Domenica, 17 Ottobre 2021
Cronaca

Consumo di benzina in picchiata: per la verde, anche un -32%

In Piemonte, tra il 2011 e il 2012, il consumo della benzina si è ridotto in maniera significativa; in particolar modo sulla rete autostradale, mentre aumenta l'uso del gpl (che cresce del 39%)

Diciamo la verità: non c'era bisogno dei dati per farlo capire, poiché ce ne eravamo già accorti da tempo. Con la crisi, si usa di meno l'automobile, e con più oculatezza e attenzione. Va da sé che i consumi di carburante siano in calo. Dal 2011 al 2012 il consumo di benzina in Piemonte è diminuito, e di molto, almeno secondo ciò che si apprende dal report annuale redatto dalla Regione Piemonte e presentato in un incontro con i rappresentanti del ministero dello Sviluppo Economico, Assopetroli, Faib, Fegica, Figisc, Noi, Retitalia e Unione Petrolifera.

La discesa dei consumi di carburante è infatti attestata al meno 7.85%, sulla rete ad uso pubblico e, in particolare, del 22,98% sulla rete autostradale. Spicca di più la benzina verde, che registra un meno 32.48% sulla rete autostradale mentre, a compensare un rapporto fatto di cifre in negativo, arriva il solo gpl, che con +39,14%.

"Il documento - spiega l'assessore regionale al Commercio Agostino Ghiglia - fotografa la situazione della rete distributiva piemontese e offre un quadro per operarare le future scelte in termini di razionalizzazione e diversificazione nella distribuzione, anche in termini di offerta energetica alternativa e di qualificazione energetico ambientale degli impianti, con l'obiettivo di innalzare la qualità degli insediamenti. Dal punto di vista dei consumi il rapporto evidenzia una contrazione, effetto di una crisi che è conseguenza della congiuntura economica ma anche effetto della liberalizzazione, che ha inciso in modo particolarmente significativo sulla distribuzione tradizionale".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Consumo di benzina in picchiata: per la verde, anche un -32%

TorinoToday è in caricamento