I topi invadono la Barca: "Arrivano dal campo nomadi"

Cadaveri di ratti sono stati trovati sull'asfalto o a due passi dalle abitazioni. I residenti preoccupati chiedono una disinfestazione

Tra i quartieri della Barca e del Rebaudengo i furti e il via vai dei nomadi non rappresentano certo le uniche insidie. A preoccupare e non poco sono i numerosi topi che si avvicinano senza paura alla strada e al bordo del marciapiede. E nei giorni scorsi, qualcuno, ha trovato sull’asfalto una serie di cadaveri a quattro zampe con tanto di sangue sparso in lungo e in largo. Ratti di grosse dimensioni vittime dei pneumatici delle auto e dei camion di passaggio.

I topi - secondo i residenti - arriverebbero dai vicini campi nomadi. Lo sa bene quel residente che si è trovato un esemplare a due passi dal portone di casa. Alla vittima è toccato fare lo slalom per evitare di pestare la carcassa maleodorante. Un’emergenza sanitaria che sta spaventando più di un residente della zona. “C’è davvero da preoccuparsi – racconta un pensionato -. Sono grossi come dei gatti e fanno veramente impressione”.

Una disinfestazione immediata è la richiesta dell’intero quartiere. “Quei ratti arrivano sicuramente dalle numerose discariche presenti all’interno dei campi rom – dichiara Tony, un cittadino -. Non possiamo aspettare che mordano qualcuno. Sarebbe il caso di allertare l’Asl e provvedere al più presto ad una derattizzazione”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La tifosa non passa inosservata, ripresa dalle telecamere allo Stadium: ora ha migliaia di followers

  • Scontro auto-ambulanza all'incrocio: sei persone rimaste ferite

  • Arriva l'inverno: prima neve in città e brusco calo delle temperature

  • Auto si scontra col cinghiale che attraversa la strada, poi si ribalta nel fosso: terrore per due ragazzi

  • Tenta di uccidere il figlioletto di un anno con le pastiglie nel biberon, poi si taglia le vene

  • Viaggia sull'auto modificata: multa di 640 euro, veicolo sospeso dalla circolazione

Torna su
TorinoToday è in caricamento