rotate-mobile
Venerdì, 23 Febbraio 2024
Cronaca

Busta con proiettile al procuratore generale di Torino, Francesco Saluzzo: pista anarchica

Aveva chiesto l'ergastolo per Alfredo Cospito, in sciopero della fame dallo scorso 21 ottobre

Una busta con un bossolo di proiettile è stata recapitata a fine dicembre 2022 al procuratore generale di Torino, Francesco Saluzzo. Del caso si stanno occupando gli agenti della Digos, coordinati dalla procura di Milano (come da prassi quando una parte interessata da un'indagine è un magistrato torinese).

Nel foglietto che accompagnava l'oggetto non c'erano vere e proprie rivendicazioni, ma solo la lettera A di anarchia, quindi la pista principale considerata dagli investigatori è quella di un'intimidazione e ritorsione per la recente richiesta di ergastolo (con conseguente corteo degli anarchici per le strade di Torino) formulata da Saluzzo nei confronti del torinese Alfredo Cospito nel processo che lo vede imputato per l'attentato alla caserma degli allievi carabinieri di Fossano del 2 giugno 2006.

Per altri fatti, lo stesso Cospito sta scontando una condanna a 20 anni di carcere. L'anarchico è in sciopero della fame dallo scorso 21 ottobre per protestare contro il regime di detenzione dura a cui è sottoposto (il cosiddetto 41 bis). Sulla richiesta di ergastolo, invece, è in corso un pronunciamento della Corte Costituzionale, che dovrà controbilanciare l'aggravante della recidiva con l'attenuante della lieve entità del fatto (nessuno rimase ferito nell'attentato di Fossano).

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Busta con proiettile al procuratore generale di Torino, Francesco Saluzzo: pista anarchica

TorinoToday è in caricamento