Business della cannabis, sempre più trafficanti-coltivatori nelle cascine torinesi

Le piantine crescono in mezzo alle altre di frutta e ortaggi, l’ultimo sequestro a Poirino

L’oro verde della criminalità cresce tra le cascine agricole torinesi, nascosto tra i campi di pomodori e altri ortaggi. La produzione fai-da-te di hashish e marijuana sta aumentando in modo esponenziale. Poi viene venduta, senza alcun tipo di passaggio, al consumatore. I carabinieri del comando provinciale di Torino hanno individuato e sequestrato, negli ultimi anni, decine di serre clandestine, dotate anche di attrezzature sofisticate, come se la cannabis fosse ormai una pianta-ortaggio qualsiasi. Tra gli arrestati o i denunciati ci sono agricoltori di professione, assicuratori, commercianti, universitari. 

L’ultimo sequestro è avvenuto a Poirino in una cascina agricola. I carabinieri della Stazione Villastellone, in collaborazione con l’aliquota Radiomobile e la Stazione di Chieri, hanno arrestato un 45enne di Poirino, un 39enne residente in provincia di Cuneo e un 38enne, abitante a Poirino,  proprietario della cascina per coltivazione di cannabis. Coltivavano la droga tra le piante di  pomodori e sono stati sorpresi a separare le infiorescenze dalle piante di cannabis.

Durante la perquisizione i carabinieri hanno sequestrato una serra con 20 piante di marijuana, alte oltre 2 metri,  5 chili marijuana, una macchina separatrice con accessori, numerose buste contenenti semi di marijuana, un ventilatore, un deumidificatore, una  pressa, una macchina termosigillante sottovuoto per buste cellophane, una bilancia di precisione e diversi termometri e accessori vari. I tre coltivatori di cannabis sono stati collocati ai domiciliari. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La produzione di cannabis è diventata un business per i trafficanti fai da te italiani. Nel 2016 i sequestri di piante sono aumentati rispetto allo scorso anno. Nell’intero 2015 gli arbusti di marijuana scoperti dai carabinieri sono stati 5.733mila, nei primi 8 mesi di quest’anno siamo già a quota 4.658mila (1.501mila nello stesso periodo dell’anno scorso).  I coltivatori italiani di cannabis producono lo stupefacente in aziende agricole o in serre costruite in ogni dove, capannoni, magazzini, scantinati. 
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Consultori: indirizzi e orari a Torino

  • Torino e provincia, le attività commerciali che fanno consegne a domicilio

  • Perde il controllo dello scooter e si schianta: morto in ospedale

  • Divampa un incendio nel suo appartamento, donna muore intossicata

  • "Intesa Sanpaolo è nuda", gli Extinction Rebellion si spogliano davanti al grattacielo

  • Perde il controllo dell'auto che si ribalta a lato della carreggiata: grave il conducente

Torna su
TorinoToday è in caricamento