Ubriaco a piedi blocca il bus, poi sfascia il parabrezza e il tergicristallo

Alla fine viene arrestato

immagine di repertorio

Completamente ubriaco, ha fermato un bus della linea 35 mettendosi davanti e, quando il conducente ha provato a ripartire, ha danneggiato il parabrezza del mezzo prendendolo a pugni e poi ha anche spaccato un tergicristallo.

È quanto avvenuto nella serata di ieri, domenica 7 giugno 2020, in via Torino a Nichelino. Qui i carabinieri sono intervenuti e hanno arrestato il protagonista dell'accaduto, marocchino di 41 anni, che ha anche tentato di aggredirli quando li ha visti. Deve rispondere di resistenza a pubblico ufficiale, danneggiamento e interruzione di pubblico servizio. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Dopo l’episodio l’autista è stato costretto a interrompere la corsa e a rientrare in deposito per prendere un altro bus.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Autoparco comunale, Palazzo Civico vende 127 veicoli mediante asta pubblica: l’elenco 

  • Terribile tragedia nella notte: uccide il figlio di 11 anni a colpi di pistola e poi si spara

  • Apre il nuovo centro commerciale: previsti un centinaio di posti di lavoro

  • Prodotti tipici, feste di via e festival: cosa fare a Torino sabato 26 e domenica 27 settembre

  • Omicidio-suicidio: uccide la moglie che si stava separando da lui e poi se stesso

  • Elezioni comunali 2020 a Moncalieri: Montagna trionfa al primo turno

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TorinoToday è in caricamento