Vittima di bullismo alle elementari, in tre anni finisce 13 volte al pronto soccorso

Soltanto in quinta, all'ultimo anno di scuola, la bambina ha avuto il coraggio di vuotare il sacco e di raccontare quello che succedeva tra le aule e i corridoi di quella scuola

Solidarietà per la piccola Aurora

Vittima dei bulli già dalle scuole elementari. E costretta ad entrare in pronto soccorso 13 volte in appena tre anni.

E’ la terribile storia di Aurora, una ragazzina che oggi ha 13 anni e che in passato, dall’età di 7 anni, è stata vittima di prepotenze davvero ingiustificabili.

Soltanto in quinta, all’ultimo anno di scuola, la bambina ha avuto il coraggio di vuotare il sacco e di raccontare quello che succedeva tra le aule e i corridoi di quella scuola di Torino. Due ragazzini l’avrebbero bistrattata in tutti i modi, mettendole contro anche gran parte del resto della classe. E senza un motivo logico: semplicemente a loro non andava a genio.

Poi dagli insulti allo scherno si è passati a gesti molto più pesanti e offensivi: in un’occasione i due l’hanno buttata giù dalle scale mentre in un’altra le hanno spaccato il labbro con una testata. Non contenti hanno tentato anche di frustarle le natiche con un ramo spezzato.

Dalla seconda alla quarta elementare Aurora si è sempre tenuta tutto dentro, poi ha sputato il rospo davanti a mamma Rosa. La famiglia ha coinvolto la direzione della scuola, senza però ottenere grandi risultati.

Poi a gennaio ho partecipato al concorso  #MyHero 2017 lanciato da Aias Segreteria - racconta Rosa -. Nella lettera si richiedeva di raccontare il nostro eroe, che per me è rappresentato da mia figlia. Il concorso si è concluso l’11 febbraio, compleanno di Aurora tra l’altro. E in diretta ci hanno proclamato vincitori, per quanto riguarda il tema del bullismo”. Testimonial di questa associazione è l’attore Lino Guanciale, protagonista di fiction di successo su Rai 1.

Attraverso una serata didattica a Milano, alla presenza di Aurora e della mamma, è stato dato un segnale su questi temi che spesso finiscono per causare anche delle vittime. Su Facebook è stata aperta anche una pagina per aiutare il prossimo, dal nome “Dislessia discalculia disortografia disprassia disgrafia dsa” .

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La folle corsa di due carri-attrezzi a 120 km/h: patenti ritirate ai conducenti, multe per 2.700 euro

  • Qualità dell’aria, scatta il livello viola: bloccati tutti i veicoli euro 5

  • Investita da un'auto impazzita alla fermata del bus, è in condizioni gravi

  • Omicidio-suicidio nella villetta: marito uccide la moglie con un colpo di balestra e poi si toglie la vita

  • Scende dopo lo scontro con un'altra auto e viene investito: morto

  • Emergenza smog: continua lo stop a tutti i veicoli diesel fino agli Euro 5

Torna su
TorinoToday è in caricamento