Banda di bulli minaccia e rapina un ragazzino di soldi e smartphone, rintracciata poco dopo

Due sono stati denunciati

immagine di repertorio

Una banda di bulletti ha minacciato e derubato di soldi e cellulare un ragazzino vicino al Punto Smat di via Amendola a Nichelino nel pomeriggio di mercoledì 5 febbraio 2020.

Dopo essere stato derubata, la vittima, a cui il gruppo contestava di avere "invaso la loro zona", ha raccontato tutto ai genitori, che hanno chiamato i carabinieri.

Gli autori di quella che di fatto è una rapina sono stati individuati in breve tempo. Due di loro, di 15 e 16 anni, sono stati denunciati per rapina ed estorsione.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il cellulare e 100 euro in contanti sono stati recuperati e restituiti al giovane rapinato: i ragazzi violenti non erano ancora riusciti a spartirseli.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: in Piemonte centri commerciali chiusi il sabato e la domenica (tranne gli alimentari)

  •  Piemonte, coprifuoco dalle 23 alle 5: firmata l’ordinanza

  • Torino: positiva al coronavirus esce e va in giro, denunciata per epidemia colposa

  • Lavazza, offerte di lavoro a Torino e in provincia: le posizioni aperte

  • Incidente a Torino, auto finisce contro un palo: morta donna dopo l'urto violento

  • Incidente in strada a Torino: tram investe pedone e lo uccide

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TorinoToday è in caricamento