Venerdì, 22 Ottobre 2021
Cronaca

Brandizzo, raccolta rifiuti: ridotti i passaggi della raccolta ma bollette in aumento

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di TorinoToday

L'anno nuovo a Brandizzo porta un aumento delle bollette della spazzatura del 16% che arriverà con il conguaglio della Tari da pagare entro il 16 febbraio a fronte di una drastica riduzione dei passaggi per la raccolta dei rifiuti dal 1° gennaio 2015.

La raccolta della plastica, che prima veniva effettuata una volta alla settimana, è stata dimezzata, ora viene eseguita una volta ogni quindici giorni; la raccolta dell'organico, che prima veniva effettuata tutto l'anno due volte alla settimana, ora da novembre ad aprile viene eseguita una sola volta alla settimana.

"A fronte di una riduzione del servizio - afferma la coordinatrice cittadina di Alternativa Civica Antonella Multari - i brandizzesi vorrebbero constatare anche una diminuzione della bolletta della Tari. L'evidente riduzione di spesa per i minori passaggi dei mezzi di raccolta non deve servire solo per contenere i costi a Seta, ma anche ai cittadini che si adoperano quotidianamente e bene per differenziare."

"Mi sarei aspettata - continua Antonella Multari - perlomeno la convocazione di una riunione con i cittadini per spiegare le novità sui passaggi di raccolta rifiuti e invece nulla è stato fatto. Confidiamo nel fatto che un incontro pubblico venga convocato nelle prossime settimane perché è compito dell'amministrazione fornire informazioni utili ai cittadini sulle nuove modalità per la raccolta rifiuti".

"Il Piano Finanziario della Tari del comune di Brandizzo per l'anno 2014, predisposto dal gestore, Consorzio di Bacino 16 - asserisce il capogruppo in consiglio comunale Giuseppe Deluca - è di ben € 1.590.000 con un incremento di oltre € 200.000 rispetto a quello del 2013".

"La Tari, la tassa sui rifiuti - conferma il capogruppo di Alternativa Civica - ha avuto un incremento del 16% nel 2014 e del 20% nel 2013, in totale negli ultimi due anni è aumentata del 36%: una cosa realmente assurda anche per l'incapacità gestionale dell'attuale giunta che non ha saputo contrattare i piani finanziari con il Consorzio di Bacino 16 ed evitare un ulteriore salasso ai cittadini.

I brandizzesi si accorgeranno dell'aumento Tari quando pagheranno il conguaglio in scadenza il 16 febbraio 2015: Alternativa Civica ha detto NO all'aumento della TARI votando contro questi provvedimenti in consiglio comunale".

"La situazione dei piani finanziari Tari - incalza il consigliere comunale Leonardo La Rosa - peggiora ogni anno e a farne le spese sono sempre i brandizzesi. Si continuano a vessare i cittadini con una tassazione troppo elevata, soprattutto in periodi come questo in cui molte famiglie brandizzesi si trovano in situazioni economiche critiche e di disagio e non riescono a far fronte alle necessità quotidiane".

"Nei prossimi anni - conclude Giuseppe Deluca - sarà necessario rivedere nell'insieme la gestione del ciclo dei servizi sui RSU indifferenziati e la gestione del ciclo di raccolta differenziata per cercare un contenimento delle spese e di conseguenza dei costi da addebitare ai brandizzesi e in tal senso ci rendiamo fin da ora disponibili".

Gallery

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Brandizzo, raccolta rifiuti: ridotti i passaggi della raccolta ma bollette in aumento

TorinoToday è in caricamento