menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Immagine di repertorio

Immagine di repertorio

Botulismo infantile, ricoverato bimbo di 5 mesi di Ivrea: colpa del miele

La conferma dopo le analisi dell'Istituto Zooprofilattico

Un bambino di 5 mesi di Ivrea è stato ricoverato in ospedale a Roma dove si trovava con i genitori in vacanza. Il giorno prima della partenza gli era stato dato del miele e ore dopo aveva accusato i primi sintomi, ma solo approfondite analisi hanno certificato che il responsabile del ricovero del piccolo era stato il miele, prima causa di botulismo infantile insieme all’esposizione dei bambini fino a un anno d'età in luoghi molto polverosi, come indica l’Istituto Superiore di Sanità.

A Roma sono state analizzate le feci che hanno confermato la presenza del botulino, mentre l'azienda sanitaria To4 ha poi prelevato il vasetto di miele e lo ha portato all'Istituto Zooprofilattico per avere un riscontro dal laboratorio per il controllo degli alimenti. La direttrice Maria Caramelli, intervistata da Repubblica, avverte sui pericoli che il miele può causare su bimbi di età inferiore a un anno: "Il botulismo infantile è una malattia grave, rara, che può essere mortale se non diagnosticata in tempo, e che colpisce i bambini di meno di un anno. Il miele è un alimento con preziose proprietà e il suo consumo non va assolutamente considerato controindicato in alcuna categoria di persone, se non nei lattanti. E' importante ricordare ai genitori che l'Organizzazione mondiale della sanità e la Food and Drugs administration raccomandano ufficialmente di non somministrare miele ai bambini. E in Francia l'avvertimento è riportato anche sulle etichette".
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TorinoToday è in caricamento