"Stai troppo su internet". Lei gli stacca la presa del pc, lui la riempie di botte

L'uomo è stato arrestato

immagine di repertorio

Lui sta troppo su internet al computer, lei decide di spronarlo a mollare e per questo stacca il cavo dell'alimentazione. L'uomo, furente, la riempie di botte. Il singolare episodio è accaduto in un appartamento di Madonna di Campagna la sera di giovedì 18 aprile 2019, quando gli agenti delle volanti della polizia, chiamati dalla donna, sono intervenuti in casa e hanno arrestato l'uomo, ex marito che però viveva nuovamente con lei, con l'accusa di maltrattamenti in famiglia e lesioni personali.

I due, entrambi italiani di 59 anni, erano stati insieme per 16 anni, dal 1981 al 1997, si erano anche sposati e poi si erano separati ma da due anni avevano deciso di riprovarci. La donna, nel riaccoglierlo a casa, però, non aveva considerato una novità che nella fase precedente del loro rapporto non si era ancora imposta nelle loro vite: internet, che per l'uomo era diventata quasi una malattia. Non riusciva più a staccarsi dal computer, era sempre connesso. Da qui la reazione della donna.

In passato c'era stato anche qualche episodio di violenza di lui nei confronti dei lei, che però non lo aveva mai denunciato, arrivando appunto a lasciarlo. Nulla, però, come l'episodio accaduto giovedì. Ad aprire la porta agli agenti è stata la donna col viso tumefatto. L'ex-nuovo marito era comodamente seduto in poltrona, come se nulla fosse accaduto.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Shopping, 3 tonnellate di vestiti in vendita "al chilo": l'evento per due giorni a Torino

  • Scontro auto-ambulanza all'incrocio: sei persone rimaste ferite

  • Travolta da un'auto mentre attraversa la strada: morta sul colpo

  • Paura al campo di calcio: bambino di 8 anni si accascia al suolo mentre gioca la partita

  • Donna perde il treno e per protesta occupa i binari: quasi un'ora di stop per tutti i convogli

  • Marito e moglie investiti da un'auto mentre attraversano la strada

Torna su
TorinoToday è in caricamento