Picchiato dal datore di lavoro perché non firma la lettera di licenziamento, tre arresti

Anche minacciato di morte

Immagine di repertorio

Con uno stratagemma un romeno di 36 anni, il 9 settembre 2017, era stato fatto salire in auto dal suo datore di lavoro, un 40enne di Torino, e portato in aperta campagna a Volpiano dove ad attenderli vi erano due complici, due albanesi di 42 e 32 anni di Torino.

Qui la vittima era stata minacciata di morte con una pistola dai tre che volevano costringerlo a firmare una lettera di licenziamento in quanto il 36enne pretendeva degli arretrati mai pagati. “Se non firmi ammazziamo te, tua moglie e tuo figlio”, gli avevano detto.

In quella circostanza la vittima era stata derubata del portafoglio e del telefono cellulare ed era riuscita a fuggire e a dare l’allarme grazie a una colonnina SOS sulla tangenziale.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Le successive indagini hanno permesso di raccogliere sufficienti elementi di colpevolezza nei confronti del trio al quale i carabinieri della Stazione di Volpiano hanno notificato un ordine di custodia cautelare in carcere per rapina ed estorsione.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: quali sono i sintomi, come si trasmette e come proteggersi

  • Ambulante positivo al coronavirus va al mercato a vendere frutta e verdura: denunciato

  • Tragedia nel bosco: ragazzina di 16 anni trovata impiccata a un albero

  • Bimba di sette anni morsa da una vipera mentre passeggia con i genitori: è grave

  • "L'abbraccio tricolore" delle Frecce, lo spettacolo nel cielo di Torino: foto e video

  • Uccide una donna a colpi di pistola nel piazzale del supermercato, poi si costituisce

Torna su
TorinoToday è in caricamento